Iper-ammortamento

L'iper ammortamento è un'agevolazione introdotta con l'obiettivo di favorire processi di trasformazione tecnologica e digitale secondo il modello Industria 4.0, ora Impresa 4.0. Tale misura prevede che, per gli investimenti in determinate tipologie di beni materiali strumentali nuovi, i titolari di reddito d’impresa possono fruire di un maggiore costo di acquisizione del 150% ai sensi dell'articolo 1, comma 9, legge 232/2016.

Beni finanziabili

I «beni strumentali 4.0» che consentono di accedere all’iper-ammortamento, sono definiti mediante criteri e tipologie definite dal MiSE congiuntamente ad esperti del settore:

  • Beni strumentali il cui funzionamento è controllato da sistemi computerizzati: macchine utensili e robot dotati di precise caratteristiche di interconnessione e integrazione automatizzata ai sistemi informatici e logistici di fabbrica o con la rete di fornitura e che rispondano ai più recenti standard in termini di sicurezza, salute e igiene del lavoro (nb. è necessario che le macchine siano in grado di comunicare autonomamente tra di loro lungo la catena del valore, dando luogo a fabbriche cyberfisiche).
  • Sistemi per l’assicurazione della qualità e della sostenibilità: sistemi intelligenti di misura, monitoraggio e verifica dei requisiti di qualità del prodotto e dei processi di produzione, inclusi i sistemi di controllo delle condizioni di lavoro delle macchine, i dispositivi per l’etichettatura, o la marcatura automatica dei prodotti, le soluzioni per la gestione efficiente dei consumi energetici.
  • Dispositivi per l’interazione uomo macchina e per il miglioramento dell’ergonomia e della sicurezza del posto di lavoro in logica 4.0: postazioni di lavoro dotate di soluzioni ergonomiche in grado di adattarle in maniera automatizzata alle caratteristiche fisiche degli operatori, i sistemi in grado di agevolare in maniera automatizzata e intelligente il compito dell’operatore, le interfacce uomo-macchina intelligenti che supportano l’operatore in termini di sicurezza ed efficienza delle operazioni.

L’Iper Ammortamento si applica anche agli investimenti in beni immateriali strumentali:

  • sistemi di gestione della supply chain finalizzata al drop shipping nell’e-commerce;
  • software e servizi digitali per la fruizione immersiva, interattiva e partecipativa, ricostruzioni 3D, realtà aumentata;
  • software, piattaforme e applicazioni per la gestione e il coordinamento della logistica con elevate caratteristiche di integrazione delle attività di servizio (comunicazione intra-fabbrica, fabbrica-campo con integrazione telematica dei dispositivi on-field e dei dispositivi mobili, rilevazione telematica di prestazioni e guasti dei dispositivi on-field).

L'elenco dettagliato dei beni ammessi alla agevolazione è disponibile nell’Allegato A (Elenco beni ammessi iper ammortamento) e nell’allegato B (Software, sistemi e system integration, piattaforme e applicazioni) della legge di bilancio 2017.

A chi si rivolge

Soggetti interessati sono gli esercenti attività di impresa, nonché arti e professioni che effettueranno investimenti in nuove tecnologie.

Vantaggi per il cliente

Dal punto di vista operativo la misura consiste in una maggiorazione fino al 150% del costo fiscale di acquisizione con esclusivo riferimento alle quote di ammortamento e ai canoni di locazione finanziaria. L’incentivo fiscale incide sulla determinazione della base imponibile ai fini Ires e Irpef, ma non anche Irap, attraverso una variazione in diminuzione (extra contabile) in dichiarazione dei redditi

Descrizione agevolazione

Aliquote e ambito temporale

L’agevolazione si applica con diverse aliquote a tutti gli investimenti effettuati entro il 31 dicembre 2019:

  • Iperammortamento 150% per gli investimenti fino a 2,5 milioni di euro;
  • Iper ammortamento 100% per gli investimenti compresi tra 2,5 e 10 milioni;
  • Iperammortamento 50% per gli investimenti compresi tra 10 e 20 milioni;
  • - Iper ammortamento 40% del costo di acquisizione dei beni immateriali (software) e sistemi di gestione per l’e-commerce e servizi digitali elencati nell’Allegato B della Legge di bilancio 2017.

L’aliquota scende a 0% per gli investimenti eccedenti il limite di 20 milioni e per chi ha fruito dell'iper ammortamento 2018 al 150%.

Requisiti

I beneficiari hanno l'obbligo di presentare in caso di acquisizione di beni dal costo superiore a 500mila euro, un'apposita documentazione che attesti che il bene in questione possiede caratteristiche tecniche tali da includerlo negli elenchi contenuti negli allegati A o B ed è interconnesso al sistema aziendale di gestione della produzione o alla rete di fornitura. Tale adempimento può essere espletato, con:

  • una perizia tecnica giurata rilasciata da un ingegnere o da un perito industriale iscritti all'albo, o,
  • un attestato di conformità rilasciato da un ente di certificazione accreditato.
Sono esclusi dall’Iper Ammortamento:
  • Fabbricati e costruzioni;
  • Beni con coefficiente di ammortamento inferiore al 6,5% (come ad esempio silos e serbatoi);
  • Altri beni indicati in un allegato al Ddl Stabilità 2016 (ad es. condutture, condotte, materiale rotabile e aerei equipaggiati)
Approfondimenti

Le istruzioni dell’Agenzia delle entrate sono disponibili nella:

  • circolare n. 4/E del 30 marzo 2017
  • decreto Industria 4.0

Grazie, a breve riceverai una mail per confermare la registrazione!