Categorie

Alba Green a tutta vela per il mare e l’ambiente

Data di pubblicazione:
26 Aprile 2021

Condividi:

Si è svolta nel fine settimana la regata offshore La Lunga Bolina & Coastal Race – Trofeo Banca Aletti, sponsorizzata da Alba Leasing con 80 imbarcazioni al via tra Riva di Traiano e l’Argentario

Con 80 imbarcazioni al via, le bandiere di Marevivo al vento e la presenza di Alba Leasing è tornata lo scorso week end tra le isole dell’Arcipelago Toscano la Lunga Bolina & Coastal Race 2021 – Trofeo Banca Aletti.

Dopo il rinvio per lockdown dello scorso anno, la regata offshore organizzata dal Circolo Canottieri Aniene ha confermato le attese sia dal punto di vista sportivo per il livello degli equipaggi in gara sia per l’organizzazione come sempre impeccabile.

Al termine dei due giorni di regata particolarmente impegnativi e molto tecnici per via delle condizioni del vento, prevalentemente leggero e mai uniformemente disteso, ad aggiudicarsi il trofeo è stata Scheggia, lo Swan 42 di Nino Merola, con a bordo il navigatore Alberto Bona, che ha riportato il successo in classifica generale sia nella graduatoria IRC sia ORC davanti al Ker 46 Lisa R di Giovanni Di Vincenzo. Al terzo posto si sono classificati il Farr 60 Durlindana 3 di Giancarlo Gianni in IRC e il Mylius 14E55 Milù di Andrea Pietrolucci in ORC.

Tra le prime posizioni si è classificato il Grand Soleil 48 R Luduan 2.0 di Enrico De Crescenzo, che con la vela brandizzata Alba Green si è piazzato al sesto posto nella graduatoria finale ORC.

Alba Leasing, che era sponsor della regata, ha sposato l’iniziativa con grande entusiasmo sapendo quale è la storia del Circolo Canottieri Aniene di Roma e il ruolo di primo piano che la competizione ha assunto nel calendario nazionale delle regate d’altura.

“Siamo sempre stati vicini al mondo della vela e lo vogliamo essere sempre di più: il leasing nautico è uno dei comparti dove siamo cresciuti maggiormente nel 2020 raggiungendo una quota di mercato in Italia di quasi il 10%”, ha spiegato il Vice Direttore Generale di Alba Leasing, Stefano Corti. “La Grande Bolina & Coastal Race rientra poi in un piano più ampio di attenzione alla sostenibilità ambientale portato avanti da Alba Leasing, come dimostrato dai diversi progetti e prodotti, dal leasing energetico alla mobilità elettrica, che la Società ha sviluppato negli anni”.

In testa alla flotta si è assistito ad un bellissimo testa a testa tra Durlindana 3 e Lisa R, con il primo che ha concluso il percorso di circa 115 miglia (partenza e arrivo a Riva di Traiano, passaggio a sinistra dell’isola di Giannutri e a destra del Giglio e delle Formiche di Grosseto) in 16 ore e 36 minuti, con un vantaggio di appena 4 minuti sul secondo. Di 18 ore e 4 minuti il tempo impiegato invece da Scheggia, sufficiente ad aggiudicarsi la vittoria in tempo compensato. 

Podio identico per la classifica IRC e ORC nella categoria “Per Due”: la vittoria è andata a Davide Paioletti e Giovanni Bonzio sul Sun Fast 3600 Loli Fast che hanno preceduto Luca Scoppa e Michele Di Giovanni, sul Dehler 60 Blue Oyster, e la coppia padre e figlio, Adriano e Antonio Addobbati, sul First 40 modificato Lancillotto.

La Coastal Race, invece, riservata alla classe monotipo Este 24, si è disputata con due prove per un totale di circa 65 miglia: sabato 24 aprile da Santa Marinella per arrivare a Porto Ercole (40 miglia); domenica 25, partenza e arrivo a Porto Ercole (25 miglia). Al termine delle due prove ha vinto Ricca D’Este 27 della Riva di Traiano Sailing Academy, timonata da Lorenzo Rossi, seguita dalla compagna di squadra Ricca D’Este 37 portata da Marco Flemma. In terza posizione, RideCosì-Esteban di Stefano Fusco.

“Come Circolo organizzatore possiamo essere pienamente soddisfatti di questa 11ª edizione che ha messo come priorità la sicurezza degli equipaggi in un momento delicato della nostra vita quotidiana”, ha dichiarato Alessandro M. Rinaldi, delegato del Circolo Canottieri Aniene per l’Altura. “È una delle prime regate offshore di quest’anno con un gran numero di imbarcazioni che si sono comportate in maniera ineccepibile nel rispetto di tutte le raccomandazioni e dei protocolli imposti. Complimenti ai vincitori e a tutti i partecipanti che hanno dimostrato che non è prioritario vincere sull’avversario ma soprattutto superare se stessi, ed in queste regate lunghe, con condizioni meteo variabili, è importante concentrarsi nel migliorare le performance della propria barca piuttosto che giocare di tattica sugli altri”.

Nella galleria fotografica, l'imbarcazione Luduan 2.0 in azione durante la Lunga Bolina & Coastal Race 2021.

 

 

CONDIVIDI QUESTA STORIA SUI TUOI CANALI:

Grazie, a breve riceverai una mail per confermare la registrazione!