BLOG

Albaville

Uno sguardo sul mondo che cambia, case history e informazioni sul leasing

Seleziona categoria
Le possibilità del leasing

Come si fa innovazione tecnologica nelle imprese italiane

Con la trasformazione delle aziende in ottica Industria 4.0 e la nascita di progetti di Smart Factory, il leasing si conferma motore importante di sviluppo e crescita

  • 20190520114753-analysis-4010821_1920.jpg

20 Maggio 2019

Internet of Things, smart factory, big data, intelligenza artificiale, innovazione tecnologica.

Sono alcuni dei concetti che stanno guidando la trasformazione digitale - che alcuni hanno definito nuova rivoluzione industriale - delle aziende negli ultimi anni.

Una trasformazione messa in atto dalle imprese di ogni dimensione e in ogni settore: una necessità per sopravvivere in un contesto sempre più digitalizzato e competitivo.

Alla base dello sviluppo in ottica Industria 4.0 vi sono alcuni tratti comuni in settori e processi aziendali trasversali: l’interconnessone tra le risorse utilizzate e la raccolta, elaborazione e analisi di dati, per citarne alcuni.

Il modello che si sta affermando, e che comporta un ripensamento e una ristrutturazione delle imprese dal punto di vista culturale, organizzativo, infrastrutturale e dei processi, è quello dell’interconnessione, della condivisione delle informazioni: gli ‘oggetti intelligenti’ (smart objects) sono sempre connessi, per inviare e ricevere informazioni ed elaborare dati, e soprattutto sono interconnessi tra loro, offrendo delle potenzialità fino a pochi anni fa inimmaginabili, in ottica di aumento della capacità produttiva, dell’efficienza e della continuità operativa.

Inoltre, anche le diverse funzioni aziendali saranno sempre più collegate tra loro e con i clienti tramite piattaforme cloud: i dati elaborati aiuteranno a migliorare l’assistenza post-vendita, lo sviluppo di nuovi prodotti, ecc.

Stiamo assistendo quindi alla nascita di progetti di Smart Factory connessi legati alla gestione della produzione, alla manutenzione predittiva e preventiva, e al controllo della qualità dei prodotti, ottenendo benefici in termini di efficienza ed efficacia.

Se, da un lato, quello della Smart Factory è il settore che è cresciuto di più in valore assoluto (+40% nel 2018), assistiamo ancora a una dicotomia tra grandi imprese, che hanno già avviato il processo di trasformazione in ottica digitale, e piccole e medie imprese, che ci stanno lavorando.

Sul versante normativo, assistiamo alla conferma (se pur con alcune modifiche) degli strumenti volti a consentire la trasformazione delle aziende in ottica 4.0. Al Piano Nazionale Industria 4.0, in vigore dal settembre 2016, si integrano gli strumenti varati con la nuova legge di Bilancio del 2019: la conferma dell’iper-ammortamento (con percentuali e scaglioni rimodulati rispetto al passato), la riapertura dei termini per l’accesso ai contributi previsti dalla nuova Sabatini, l’istituzione di un fondo per favorire lo sviluppo di tecnologie e applicazioni di Intelligenza Artificiale, Blockchain e Internet of Things.

Una recente indagine[1] condotta dal Centro Studi e Statistiche Assilea su dati MiSE ed elaborazioni statistiche BDCR Assilea, conferma che “anche nel 2018 – secondo anno dall’avvio del Piano Industria 4.0 - 1 euro su cinque dei finanziamenti in leasing è stato effettuato da imprese innovative aderenti al Piano Industria 4.0.” 

Guardando ai dati della sola “Tecno-Sabatini”, oltre il 60% dei finanziamenti è rivolto a imprese con meno di 50 dipendenti, a testimonianza che le PMI sono presenti attivamente in questo contesto di crescita.

 

I beni finanziati in leasing sono concentrati prevalentemente in tre Regioni: circa il 70% delle operazioni leasing 4.0 si registra in Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna. Brescia, Vicenza e Modena si confermano le province italiane più innovative.

Il settore della meccanica in generale risulta essere quello più finanziato (15,9%) seguito dalla fabbricazione di prodotti in metallo (4,9%), di utensileria (4,5%), delle strutture metalliche (3,1%), di articoli in materie plastiche (3,1%).

L’evoluzione delle imprese in ottica Smart Factory si conferma dunque un trend in crescita, e sicuramente continuerà ad esserlo in futuro. Assisteremo alla nascita e all’affermarsi di aziende sempre più digitalizzate e automatizzate, in grado di porsi sul mercato in modo innovativo e competitivo. E noi, in quanto società di leasing, siamo orgogliosi di contribuire, per la nostra parte alla crescita di un sistema economico che sicuramente avrà ritorni positivi per tutta l’economia.

 

[1] www.assilea.it – La Biblioteca di Assilea – 21/02/2019 - Indagine 4.0 - 2018 - Leasing delle imprese che hanno aderito alla Tecno-Sabatini



Grazie, a breve riceverai una mail per confermare la registrazione!