Categorie

Gustibus Alimentari, il sapore della Sicilia in tutto il mondo

Data di pubblicazione:
19 Aprile 2021

Condividi:

In pochi anni l’azienda si è affermata anche nei mercati extra-Ue con il pomodoro che viene raccolto e lavorato in provincia di Enna per una produzione anche di 25 mila articoli all’ora. Nel video l’intervista all’imprenditore Francesco Pecorino

Da azienda agricola a marchio di successo dell’industria agroalimentare.

Il passo è stato breve per Francesco Pecorino, patron della Gustibus Alimentari, che nel 2009 ha preso in mano l’impresa di famiglia, giunta con lui alla terza generazione, e in pochi anni ne ha trasformato il modello di business lavorando i prodotti della propria terra e arrivando a distribuirli in tutto il mondo.

I pomodori, semplici o arricchiti con carne o con verdure, distribuiti col marchio privato della Gustibus Alimentari si sono imposti come eccellenza sul mercato alimentare nazionale ed europeo, dove l’azienda siciliana ricava il 90 per cento del proprio fatturato dalle maggiori catene di supermercati, ma ultimamente si sta affermando anche sui mercati arabi ed asiatici, in particolare Israele e Giappone, e adesso anche negli Stati Uniti e Australia.

“Ogni giorno spediamo merci in tutto il mondo dove incontriamo consumatori attenti alla qualità che possono gustare un prodotto proveniente dai campi che mi hanno lasciato mio nonno e mio padre”, dice Francesco Pecorino. “Questo mi riempie di orgoglio e dal punto di vista agronomico mi spinge sempre più a coltivare pomodoro e a trasformarlo direttamente qui, nella nostra azienda agricola in Sicilia”.

Oggi la Gustibus Alimentari si sviluppa su 35 mila metri quadrati, di cui 15 mila coperti, con annessi 80 ettari di terreno coltivato. Il pomodoro viene trasformato e lavorato in loco entro 8 ore dalla raccolta, sfruttando impianti di ultima generazione che riescono a produrre fino a 25 mila pezzi l’ora. La confezione in vetro mantiene inalterati i sapori e le caratteristiche nutrizionali, consentendo ai consumatori di gustare i prodotti tipici della cucina mediterranea come fossero appena raccolti.

Investimenti e leasing

“Basiamo la nostra filosofia sulla valorizzazione delle materie prime delle colture mediterranee e sull’utilizzo di pratiche agronomiche moderne e sicure”, spiega ancora il dott. Pecorino. “Gran parte dei nostri impiegati ha una qualifica di laurea in tecnologia alimentare: ciò ci consente di iniziare il processo di controllo già nella prima fase di raccolta del pomodoro come assicurazione di qualità del prodotto finito”.

Qualità che viene raggiunta e mantenuta attraverso un costante aggiornamento delle tecnologie di trasformazione del pomodoro.

“Per noi è fondamentale investire in tecnologia, cosa che abbiamo fatto nel nuovissimo stabilimento con macchinari all’avanguardia che assicurano sempre elevati standard qualitativi. Gli investimenti degli impianti sono stati in gran parte finanziati da Alba Leasing. Insieme al loro team e con i nostri ingegneri abbiamo scelto i fornitori più qualificati per innovare gli impianti produttivi con i macchinari di ultima generazione”.

Crescita e ambiente

L’obiettivo di Gustibus Alimentari è crescere non solo in termini di fatturato.

“Siamo molto attenti al risparmio energetico, al risparmio dell’acqua, alla tutela dell’ambiente. L’azienda è una ricchezza anche per il territorio in cui opera dove abbiamo creato una realtà e un indotto importante di circa 200 persone, interni ed esterni. È la dimostrazione che oggi fare impresa in Sicilia è possibile. Il mio orgoglio di siciliano è quello di vedere sempre più famiglie nel mondo che mangiano prodotti coltivati e trasformati nei nostri impianti”.

CONDIVIDI QUESTA STORIA SUI TUOI CANALI:

Grazie, a breve riceverai una mail per confermare la registrazione!